Login

Register

Login

Register

Login

Register

Arnica, non solo come aiuto naturale nello sport

Esteticamente dai fiori gialli, l’arnica è una pianta perenne tipica, anche, delle zone montane comprese tra i 500 e i 2500 m sopra il livello del mare.

Questa pianta dalle tante particolarità, usata dall’uomo da sempre, è diffusissima “all’interno della nostra quotidianità” per i riconosciuti benefici che riesce ad apportare in caso di situazioni risolvibili domiciliarmente come ad esempio le cadute dei bambini durante i momenti di gioco, oppure in caso di slogature, di contusioni oppure di ematomi.

Insomma L’arnica come rimedio, da usare solamente in modo esterno, si rivela oggi come quello più apprezzato e sicuro.

 

 

Forse non tutti sanno, però, che una delle leggende che accompagna questa pianta è legata alla sua provenienza e cioè alle zone di montagna dove, soprattutto in tempi passati, era utilizzata per le sue proprietà simili “all’oggetto del desiderio degli amanti del mondo del fumo lento” ossia il tabacco, tanto da essere usata come tabacco da naso.

Nel corso del tempo l’arnica ha saputo conquistare una posizione di rilievo diventando non solo un prodotto principe della cura di contusioni, ecchimosi e di dolori derivanti da infiammazioni ma si è rivelata come valido alleato anche nel riassorbimento dei liquidi.

Ma come possiamo scegliere il prodotto migliore per noi?

In commercio, oggi, è possibile trovare diversi brand che propongono arnica sia in barattolo che in tubetto.

Quello che differenzia un prodotto da un altro è il quantitativo di arnica al suo interno, infatti che si tratti di arnica in gel, olio o crema la cosa fondamentale da controllare è la percentuale di estratto di Arnica perchè minore è la percentuale di estratto presente, minore sarà la possibilità di risultato voluto.

Per questo motivo Acquadimari, con la sua arnica gel a base di acqua codificata,  immette nel mercato un prodotto dai testati benefici ma potenziato, dalla presenza al suo interno, del 40% di estratto di arnica in più derivante da agricoltura biologica.

Come dire, la forza della natura aumentata del 40%

by Mariangela Bonaparte